LA RIPRODUZIONE DEI MAMMIFERI

La riproduzione dei mammiferi è sessuale: una cellula uovo della femmina si unisce con una cellula spermatozoo del maschio per produrre  un uovo fecondato, che si sviluppa in un nuovo individuo. Al contrario di alcuni esseri viventi più semplici, i mammiferi non si possono riprodurre in modo asessuato.

• CORTEGGIAMENTO E ACCOPPIAMENTO

Il  corteggiamento assicura che una femmina e un maschio si incontrino per dare vita a nuovi esseri. Esso può coinvolgere l’udito, l’olfatto e la vista. I richiami da parte dei maschi attraggono da lontano le potenziali compagne;
molte femmine producono odori che informano i maschi in merito al periodo riproduttivo. I segnali del corpo permettono a ciascun partner di valutare l’idoneità dell’altro come possibile compagno.

• MAMMIFERI CHE DEPONGONO UOVA

I monotremi formano un ordine molto piccolo che non partorisce piccoli già formati: questi si sviluppano dentro all’uovo, all’interno del corpo materno. Dopo  aver deposto le uova, i piccoli vengono allevati e nutriti con latte materno. Le cinque specie di monotremi sono l’ornitorinco e le quattro echidne. Si trovano dall’Asia sudorientale all’Australia. Nelle echidne le uova e poi i piccoli vengono trasportati nel marsupio della femmina.

• MARSUPIALI

Il nome marsupiali deriva un termine latino che significa “borsa di pelle”. In gran parte dei 292 marsupiali la femmina ha una tasca – il marsupio – sul suo  addome. I piccoli vengono partoriti a uno stadio molto precoce di sviluppo, per cui, appena nati, essi strisciano nel marsupio materno, dove continuano a svilupparsi al sicuro e protetti.

• MAMMIFERI PLACENTALI

Tutte le altre specie di mammiferi sono placentali. La placenta è una parte del corpo che si sviluppa all’interno dell’utero accanto al feto. Essa serve a far passare ossigeno e nutrimento dal sangue della madre al piccolo e per rimuovere le sostanze di rifiuto, permettendo al nascituro di crescere fino ad uno stadio avanzato nell’utero.

• CURE PARENTALI

Una caratteristica della riproduzione dei mammiferi, che non è comune tra gli animali in generale, è il lungo periodo di cure parentali. I piccoli vengono nutriti con il latte materno per settimane o anche mesi. Vengono mantenuti caldi, sicuri e protetti. Il periodo più lungo di cure parentali è di dieci anni o più nei grandi mammiferi, come gli elefanti, le grandi scimmie antropomorfe e l’uomo.

 
< Prec.   Pros. >