EVOLUZIONE DEI MAMMIFERI

Come tutti gli esseri viventi, i mammiferi si sono evoluti durante un lungo periodo di tempo. Le circa 4.475 specie esistenti oggi sono una piccola porzione dei mammiferi che sono vissuti sulla terra. I primi esemplari apparvero nello stesso momento dei dinosauri, oltre 200 milioni di anni fa.

• GLI  ANTENATI DEI MAMMIFERI
Gli antenati dei primi mammiferi erano predatori piccoli e attivi – un sottogruppo dei rettili simili a mammiferi conosciuti come terapsidi. Essi risalgono al Periodo del Triassico Medio: avevano caratteristiche nuove del cranio, uno scheletro più leggero e flessibile e arti eretti, allineati sotto il corpo, piuttosto che sporgenti di lato, come nei rettili. Nei successivi 135 milioni di anni i dinosauri dominarono la terraferma, comunque i piccoli mammiferi riuscirono a resistere, forse perché uscivano a caccia di notte quando era troppo freddo per i grandi rettili.

• EVOLUZIONE RAPIDA
I dinosauri morirono 65 milioni di anni fa. Poco dopo, nel Periodo Terziario Inferiore, i mammiferi subirono grandi cambiamenti, si moltiplicarono in centinaia di nuovi tipi. Alcuni di questi scomparvero nel corso degli anni, ma altri resistettero e fondarono i gruppi di mammiferi di oggi. Circa 50 milioni di anni fa, le prime balene nuotarono negli oceani e i primi pipistrelli volarono nell’aria.

 
< Prec.   Pros. >