Esce la Fattoria degli Animali
Il 17 Agosto 1945 veniva pubblicato in Gran Bretagna La Fattoria degli Animali, (Animal Farm), il racconto breve di George Orwell. vedi video completo...

La carenza di carta da stampa in seguito alle restrizioni imposte dal secondo conflitto mondiale fu inizialmente causa di una riduzione del numero di copie stampate. Al momento della morte di Orwell, avvenuta nel Gennaio del 1950, 25.000 copie erano state vendute nel Regno Unito e ben 590.000 negli Stai Uniti. Questi numeri danno un’idea dell’enorme successo che il libro ottenne e sono confortati dalle traduzioni in numerosissime e svariate lingue - dal Persiano, all’Islandese all’Ucraino - che fecero di Animal Farm un testo venduto in tutto il mondo. Il racconto è la storia di una fattoria dove gli animali sfruttati si ribellano all’uomo e capitanati dai maiali cercano di dar vita ad una nuova società, solo per rendersi conto che i loro leaders finiranno con lo sfruttarli, né più ne meno di come avevano fatto in precedenza gli uomini.
Alla fine del 1946 Orwell aveva preparato un adattamento del racconto per la BBC. Il 2 Dicembre di quell’anno Dwight Macdonald, amico di Orwell ed editore della rivista americana Politics, scrisse che la satira di Orwell si applicava alla situazione della Russia post-rivoluzionaria. Orwell rispose dicendo che sebbene il racconto era stato principalmente ispirato dai fatti della Rivoluzione Russa, il testo presentava un significato che trascendeva il contesto della Russia post-rivoluzionaria e si applicava a tutti quei casi dove un movimento rivoluzionario o governo condotto da persone inconsciamente affamate di potere può solo condurre ad un cambiamento di padroni, senza attuare nessuna trasformazione sostanziale, né a livello politico, né a livello culturale.

fonte: parmadaily.it

 
< Prec.   Pros. >